DECRETO INCENTIVI 2010 - AGENZIA IMMOBILIARE PALLADINI

L'agenzia della tua città
Vai ai contenuti

Menu principale:

DECRETO INCENTIVI 2010

NOVITA' NORMATIVE


Venerdì 19 marzo 2010 il Consiglio dei Ministri ha approvato all'unanimità il decreto incentivi 2010.

Il decredo prevede una serie di aiuti a sostegno della ripresa economica destinati a differenti settori produttivi per complessivi 420 milioni di euro.

Bassine anche le percentuali di sconto previsti compresi tra il 10% e il 20%, sono inoltre stati previsti tetti massimi di rimborso per ciascun prodotto. Ma soprattuto gli incentivi 2010 sono ad esurimento, ossia terminati i 420 milioni messi a disposizione, non saranno automaticamente rinnovati.

Per cui meglio affrettarsi se si vuole approfittare degli incentivi perchè probabilmente non dureranno per tutto il 2010, anzi si esauriranno nei primi mesi.

Elenco dei prodotti

- Edilizia (abitazioni ecologiche, gru, autorizzazioni):

+ Acquisto abitazione ad elevata efficienza energetica di Classe A: contributo statale di 116 euro al metro quadro sino a un di massimo 7.000 euro;

+  Acquisto abitazione ad elevata efficienza energetica di Classe B: contributo statale di 83 euro al metro quadro sino a un di massimo 5.000 euro;

+ Eliminata la DIA (dichiarazione inizio attività dei lavori) per i lavori di ristrutturazione casa e lavori  di manutenzione straordinaria. Ulteriori informazioni su eliminazione della DIA per i lavori di manutenzione straordinaria;

+ Costruttori edili: sconto del 20% fino a 30 mila euro per acquisto di gru a torre. Serve il certificato di rottamazione della torre per edilizia messa in esercizio perima del 1/1/1985.

- Arredo cucina: sconti del 10% fino a 1.000 euro per nuove cucine o mobili componibili completi di almeno 2 elettrodomestici ad incasso di classe A. Gli elettrodomestici della nuova cucina che non rientrano nelle classi energetiche ad alta efficienza non possono usufruire dello sconto. Attenzione, per accedere allo sconto accertati che i mobili-cucina rispettino le norme sull'emissione di aldeide formica e che siano predisposti alla raccolta differenziata. Solo sostituzione non semplice nuovo acquisto;

- Elettrodomestici ad alta efficienza energetica di classe A: sconto del 20% per aquisto con corrispondente rottamazione di forno, piano cottura, lavastoviglia, cappa elettrica, scaldacqua a pompa di calore e stufa ad alta efficienza energetica:

+ sino a un massimo di 80 euro per i forni elettrici di classe A e piani cottura con dispositivo di sorveglianza fiamma (FSD);

+ sino a un massimo di 130 euro per le lavastoviglie di classe tripla A (A/A/A);

+ sino a un massimo di 500 euro per le cappe elettriche, stufe e scaldacqua a pompa di calore.

- Settore elettrico ed elettromeccanico:

+ UPS, 20% di sconto su gruppi di continuità con potenza fino a 10 KVA e ad alta efficienza. Tetto massimo fino a 100 euro;

+ Batterie di condensatori, sconto del 20% fino a 200 euro sull'acquisto se contribuisce a ridurre le perdite di energia sulle reti a media e bassa tensione;

+  Motori Elettrici, 20% sui motori elettrici ad alta efficienza di classe IE2 e con potenza tra 1 e 5 kW;

+ Inverter, 20% di sconto fino a 40 euro per acquisto e installazione di variatori di corrente con potenza tra 0,75 kW e 7,5kW.

- Internet: bonus internet veloce fino a 50 euro per i giovani fra 18 e 30 anni che attivano una nuova linea a banda larga (ADSL o fibra ottica);

Altri settori interessati

- Ciclomotori;

- Rimorchi e semirimorchi;

- Agricoltura;

- Nautica;

Tempi di validità
Gli incentivi entreranno in vigore da martedì 6 aprile 2010 ma si potranno richiedere solo da giovedì 15 aprile 2010 sino a venerdì 31 dicembre 2010, salvo proroghe o esaurimento dei fondi.

Modalità di fruizione

Il ministero per lo sviluppo economico metterà a disposizione un call center affidato a Poste Italiane per fornire ai consumatori e ai rivenditori tutte le informazioni e istruzioni necessarie a usufruire degli incentivi.

Nella pratica comune sarà il consumatore a rivolgersi al rivenditore richiedendo l'incentivo. Il rivenditore verificherà la capienza per via telematica o telefonica e comunicherà al consumatore la disponibilità dell’incentivo, che si tradurrà in uno sconto sul prezzo di acquisto. Il rivenditore recupererà poi l’incentivo presso gli sportelli delle Poste. Mentre più complesso l'iter per l’acquisto di immobili in cui è previsto anche il controllo della certificazione di efficienza energetica da parte dell’ENEA.

  
Menu Principale                  

Torna ai contenuti | Torna al menu